Menu

Non scegliere me

Non scegliere me

14 mar - Arti & Cultura - ##sonounaguerriera# 
322 visite


Non scegliere me.
Non sono una principessa, non lo sono mai stata. Sono una guerriera, sempre in lotta contro qualche nemico senza nome, e, quando sto per sferzargli il colpo finale, gli sfilo l'elmo e scopro che il mio nemico sono io. Ma tanto, il più delle volte, è lui che sconfigge me.
E tu non puoi scegliere qualcuno che sia troppo abituato a lottare, troppo abituato a perdere - troppo abituato ad avere cicatrici che quasi se le dimentica, finché non cambia il tempo e bruciano.
Non mi scegliere.
Sono quella che non sa mai cosa dire, che se ne sta sempre in disparte.
Divento scontrosa se mi fanno i complimenti, oppure arrossisco - dipende chi è a farmeli. Ma, sempre, in ogni caso, non ci credo mai.
Non riesco a sorridere in foto, e a volte anche nella vita reale, quando il sorriso deve essere finto.
Mi mangio le unghie e ho la testa fra le nuvole.
Non so stirarmi i capelli (non ci ho mai provato seriamente, fondamentalmente) e le scarpe mi interessano solo per poterci camminare.
Per il resto preferisco riempire librerie, anziché scarpiere. Riempirle non solo di libri, ma anche di sogni, di pensieri, di emozioni che mi tengo dentro. Riempirle talmente tanto che alla fine non ci stanno più e sono sparsi ovunque - i libri per la casa, le emozioni dove capitano di scappare.
Penso troppo, e forse ormai ho capito che non riuscirò mai ad essere pienamente felice.
Mi mancherà sempre qualcosa, non mi sentirò mai abbastanza.
C'è chi afferma che per essere felici si debba essere stupidi, almeno un po’. Forse è vero - ma non è con snobismo che te lo dico.
Vorrei essere stupida, se è questo che serve, o almeno non troppo consapevole - a volte lo vorrei davvero tanto.
Ma non si può essere ciò che non si è - e io sono così, semplicemente con una coperta sempre troppo corta.
Quindi non scegliermi.
Perché quella coperta finirei per darla a te, per non farti prendere freddo - e poi un giorno finirei per rinfacciartelo.
Non scegliermi perché forse, temo, non saprei renderti felice - come potrei, se non sono mai felice nemmeno io?
Forse insieme potremmo diventare stupidi per qualche tempo, staccare qualche spina, buttare giù qualche recinto, non pensare, non pensare più - e provare ad esserlo, provare quel genere di felicità che sembra un'ubriacatura, che ti fa dimenticare le cose, brillare gli occhi e ridere senza motivo.
Poi però diventerebbe qualcosa di diverso, di cupo, di sfumato, di profondo e crudele - che vibra, che urla, che non ti abbandona.
Come una maledizione, come una benedizione, come un frutto proibito, un sogno che un giorno ti fa volare e il giorno dopo strisciare.
Forse sarebbe più che essere felici, sarebbe essere veri. Sarebbe avere qualcosa che non si può dimenticare. Mai.
Non mi scegliere. Se no non potrai tornare indietro.
La mia anima è fatta di cose diverse, di contraddizioni.
C'è del ferro, duro e freddo; del vetro tagliente e riflessivo; della carta, fragile e ricoperta di parole - alcune sbiadite, altre ricalcate fino a bucarla.
C'è dello zucchero, sottile sottile in superficie, trasparente, poco attraente. Ce n'è dell'altro più a fondo, che uso di rado.
C'è dell'acqua, tanta acqua. Acqua che cambia forma, che può essere fresca e dissetante oppure melmosa, distruttrice. Spesso evapora, oppure si trasforma in lacrime.
Ci sono delle piume ma sono nere, sono sporche di fuliggine. Non posso lavarle, perché le piume quando si bagnano poi non servono più per volare.
E io forse non saprò come essere felice, ma so come si fa a volare: se mi scegli ti porterò via con me.
Quindi non farlo.
Non farlo se non sei pronto a partire, a lasciare qualche certezza.
Non farlo se hai bisogno di aggrapparti a schemi e binari, se ti dà fastidio il vento.
Fallo se sei ancora un po’ bambino.
Se hai l'incoscienza creativa, la caparbietà irrazionale dei bambini. Se, come i bambini, più ti dicono di non fare una cosa e più ti viene voglia di farla.
Ma no, neanche in questo caso allora dovresti scegliermi: perché sarebbe solo per sfida che lo faresti, per spirito di contraddizione, per capriccio.
Se però, oltre a questo, hai anche la consapevolezza dell'adulto che ha capito cosa vuole dopo un lungo cammino, dopo sbagli e maschere che diventano strette, allora forse sì, allora sceglimi.
Sceglimi se hai capito che sono io quello che vuoi, che non vuoi nient'altro - nonostante quello che tutti dicono.
Compresa io, compreso il buon senso.
Sceglimi con il cuore, con il cervello, con l'anima e con la pelle.
Se no - non scegliermi affatto…
Catherine Black _

Eliminare Commento?

Sicuro/a di voler eliminare questo commento? Operazione irreversibile.

Elimina Annulla

Delete Feed?

Sicuro/a di voler eliminare questa attivita?

Impossibile eseguire questa azione.

Elimina Annulla