Menu

In troppe cose mi ci rivedo

In troppe cose mi ci rivedo

21 dicembre 2018 - Arti & Cultura - ##dentrome # 
401 visite

Tienimi, se puoi. Io sono quella che spegne la luce di proposito e dopo si lamenta perché ha paura del buio. Tienimi, se ci riesci. Io non sono brava con le persone, non le so abbracciare, non le so stringere, le so soltanto lasciar andare. Solo che a forza di lasciar andare, alla fine, che cosa rimane? Tienimi, perché è proprio quando ti sento più forte sulla pelle che mi viene voglia di scappare e credimi quando ti dico che le mie tristezze hanno tutte a che fare con le mie gioie, tipo che ogni volta in cui sono contenta poi mi viene da piangere e mi sento stupida, oppure ogni volta in cui mi diverto poi va sempre a finire che mi sento una merda. Ma va bene anche così, ormai sono quasi trentatré gli anni passati su questo strano pianeta, ho imparato a non massacrarmi per tutto quello che sono e che non sono. Tu però tienimi, perché io sono quella che per paura di essere lasciata, lascia. Quella che per paura di svanire nel nulla, svanisce. Non sono cattiva, se mi guardi te ne rendi conto: ho soltanto paura. Non mi lasciare la mano, perché sono capace di allontanarmi un attimo e di scoprire che mi sono persa. Sono capace di tutto, come tutti, e non vorrei. Non vorrei perdermi, perché perdermi significherebbe non sentirti più parlare, non vederti più sorridere tra un sorso di vino e l’altro mentre mi guardi senza alcuna fretta. Tienimi, perché non so come si ama, perché sono stata troppo sola e adesso ogni carezza è per me un grido disperato, uno spogliarello in piazza, un atto di coraggio.


Susanna Casciani

Eliminare Commento?

Sicuro/a di voler eliminare questo commento? Operazione irreversibile.

Elimina Annulla

Delete Feed?

Sicuro/a di voler eliminare questa attivita?

Impossibile eseguire questa azione.

Elimina Annulla