Menu

IL VETRO SBAGLIATO....

IL VETRO SBAGLIATO....

01 febbraio 2013 - Arti & Cultura
1.282 visite


Distruggo, ripasso, dove mi appoggio scasso....
Pensante, straziante, incomprensibile latente....
Accorto, vibrante, di natura reticente...
La luce mi da noia, la voce è già un oltraggio, vomitando la mia rabbia, io son senzaltro peggio.
Sfuggente, sagace, la bocca tua ora tace.
Scavalco ogni tuo passo, di circostanza ormai banale, mi siedo aspetto mesto.....


Il più grande errore è stato quello di cercare di ingabbiarmi, di togliermi il respiro, di voler prevalicare il mio volere. Cammino lento sul filo, solo ma me stesso.
E adesso si ripete, cercano di braccarmi, di ingabbiarmi ancora, vorrebbero che non mi rialzassi.Come vetro mi infrango, scomponendomi in mille schegge, che nonostante tutto fanno un unico. Ora non urlo, ho imparato ad urlare in silenzio, a nascondermi nel mio buio, a lasciare solo qualche traccia di me come esca, lascio che siano i miei spettri a ballare alla luce del sole. Io attendo solo il momento che si accorgano di avere infranto il vetro sbagliato.



SSSSSSS..........le lame non tagliano il buio.

  • 0 commenti

Eliminare Commento?

Sicuro/a di voler eliminare questo commento? Operazione irreversibile.

Elimina Annulla

Delete Feed?

Sicuro/a di voler eliminare questa attivita?

Impossibile eseguire questa azione.

Elimina Annulla