Menu

Strati

Strati

il 12 marzo 2017 - Personali
321 visite


 


Mi sento polvere, proprio come la polvere che danza ai raggi della luna.
É come sentire tutto compare e scompare così velocemente che non riesco a trattenerlo nella mente, mi sfugge ricoperto da un’altra idea, un altro pensiero e via ancora un altro e un altro.
E un altro…


Polvere che ricopre altri strati finché il nero diviene quasi bianco, lanuginoso bianco che si alza in volo al primo respiro.
Quel bianco che altri vogliono vedere, vogliono sentire; quel bianco che alla fine è solo copertura visibile di ciò che la polvere sotto nasconde.
Mi sento polvere che si posa lentamente, piano, dolcemente si unisce al tempo , strato dopo strato.
Stanco…


Mi sento ricoperto e non va bene, non mi piace, fa caldo sotto la polvere, è pelle morta che on vuole lasciarmi, arida e bianca, ossa pestate nel mortaio e soffiate via.
Devo scrollarmela di dosso, ritornare ad essere nero sul bianco e non il contrario, ritornare ad essere quei denti che mordono la spalla, quelle unghie che graffiano e lacerano, quegli occhi che spaventano e che frugano dentro il cuore degli altri.
Mi sento polvere e presto, spero, tornerò ad essere lucido nero.


 


 

  • 0 commento

Eliminare Commento?

Sicuro/a di voler eliminare questo commento? Operazione irreversibile.

Elimina Annulla

Delete Feed?

Sicuro/a di voler eliminare questa attivita?

Impossibile eseguire questa azione.

Elimina Annulla